L’accoglienza degli immigrati è un business. E non solo per coloro che svolgono attività illegali e lucrano sulle disgrazie dei rifugiati. Assistere coloro che quotidianamente arrivano sulle coste italiane genera un reddito

Come gli immigrati spingono l’economia in Italia

Carta Capital

Gran parte di circa il miliardo di euro dato dal governo ai centri di accoglienza viene investito sul territorio

L’accoglienza degli immigrati è un business. E non solo per coloro che svolgono attività illegali e lucrano sulle disgrazie dei rifugiati. Assistere coloro che quotidianamente arrivano sulle coste italiane genera un reddito legittimo: le strutture ricettive per i richiedenti asilo e per coloro che godono della protezione internazionale possono realizzare guadagni anche legali, tramite accordi firmati con i Comuni, avvantaggiando cosi’ le autorità locali e aumentando il reddito del territorio.

In alcuni casi, questi introiti sono una vera manna, specialmente in aree dove la crisi finanziaria è più intensa. Parafrasando uno dei vecchi slogan del governo di Silvio Berlusconi, ex primo ministro italiano, in pratica l’accoglienza ai migranti “spinge l’economia”.

980 milioni di euro all’anno

Secondo i dati più recenti del ministro degli Interni Angelino Alfano, nel giugno di quest’anno 78.000 immigrati erano ospitati in centri italiani, tra strutture temporanee (48.000), centri di accoglienza per i rifugiati (20.000) e centri governativi (10.000). Per l’accoglienza lo Stato distribuisce ai centri partecipanti una diaria media di 35 euro a immigrato (inclusi i 2,50 euro in contante dati agli ospiti per le spese quotidiane). “Questi 35 euro sono la media del costo calcolato dal Sistema di Protezione per i Rifugiati e Richiedenti Asilo (Sprar). Ma nel tempo questo valore è diventato la media dei costi anche per l’accoglienza fornita dai Comuni” spiega Daniela di Capua, capo del servizio centrale dello Sprar.

Secondo i dati del Ministero degli Interni, la spesa giornaliera massima per l’accoglienza dei migranti è di circa 2,7 milioni di euro, ovvero 82 milioni al mese. All’anno, il conto arriva a 980 milioni di euro. “Questa cifra non arriverà mai nelle mani degli immigrati, ma rappresenta il costo il loro sostentamento” dice Di Capua. “Se togliamo i 2,50 euro in contante, rimangono più di 32 euro a immigrato, soldi che servono in primo luogo per coprire i costi del team. Significa pagare gli stipendi, le tasse e i contributi degli operatori che lavorano nei centri, che in maggioranza sono giovani italiani”, aggiunge.

Secondo Di Capua parte della somma è spesa per gli alloggi e la manutenzione delle strutture, che in alcuni casi sono di proprietà dei Comuni, e vengono ristrutturate. “A volte, questi locali vengono affittati da privati. Un’altra parte del denaro va ai fornitori, dalle farmacie ai supermercati”. Questi soldi rimangono in stragrande maggioranza nei Comuni, spiega. Non vanno solo a chi vince le gare di appalto del governo, ma anche ai Comuni vicini. Sono circa 400 i Comuni che traggono vantaggi diretti dai progetti di accoglienza dello Sprar.

Secondo gli accordi di finanziamento per l’accoglienza agli immigrati,  i gestori dei centri, d’accordo con i Comuni, stabiliscono che i 35 euro della diaria devono coprire: l’acquisto e la  distribuzione dei pasti, i servizi, il contante per i migranti, la manutenzione degli impianti e, in alcuni casi, le spese per l’integrazione dei migranti.

Sono necessari tre pasti al giorno con alimenti di alta qualità e che rispettino il credo religioso dei richiedenti asilo. Gli immigrati ricevono anche prodotti per l’igiene personale, vestiti, servizi di lavanderia e assistenza in caso di famiglie con bambini. “Oltre ai 2,5 euro per le spese giornaliere e il cibo, gli immigrati non ricevono null’altro” afferma Don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco e della fondazione Caritas in Veritate, che ospita 100 rifugiati in un progetto di accoglienza a Fermo. “Il resto della somma è speso in loco. Dobbiamo garantire uno staff adeguato con educatori, mediatori culturali, uno psicologo e un cuoco. E questo significa posti di lavoro. Il cibo è sempre acquistato nella zona, così come le medicine e i vestiti”.

L’accoglienza agli immigrati può portare benefici

“L’accoglienza è chiaramente vantaggiosa, ma nessuno lo riconosce”, sostiene Albanesi. Nel sud Italia, in particolare, è anche una forma per dare lavoro alla popolazione locale. Molte regioni guadagnano con l’accoglienza ai migranti, dato che il ritorno economico è sostanziale, specialmente in tempi di crisi. Albanesi risponde alle critiche sugli alti costi dei centri di accoglienza. “Quando c’è stato il terremoto a L’Aquila lo Stato pagava 64 euro al giorno per trovare un alloggio alle vittime del disastro. Molti vennero ospitati in hotel sulla costa Adriatica, ma non ci furono proteste. Perché 35 euro sembrano così tanti oggi? Solo perché queste persone sono nere?”.

Ad Asti  l’associazione no profit Piam, che per anni si è occupata del traffico di esseri umani accogliendo richiedenti asilo e rifugiati, ha perfino lanciato una campagna sui media, con lo slogan “L’accoglienza fa bene”. “Le regioni incassano l’IVA e migliora la tranquillità sociale  (grazie ai contributi pagati ai dipendenti dei centri di accoglienza). Tutti ne traggono vantaggi. Una buona accoglienza fa bene a tutti, un buon alloggio, del cibo e una doccia tengono lontane le malattie” afferma un operatore commerciale di uno dei progetti dello Sprar.

“Parte dei fondi dello Sprar deveno essere usati per la comunicazione. Abbiamo deciso di lanciare una campagna per rispondere ai diversi attacchi e ai luoghi comuni che subiamo” spiega Alberto Mossino, presidente del Piam, che porta avanti un progetto di accoglienza per 140 immigrati.  Sostiene che c’era grande malcontento tra i lavoratori del settore. Era necessario sfatare alcuni miti. “Stamattina ho speso 500 euro in vestiti per i migranti che sono arrivati nel nostro centro. Li ho comprati in un negozio qui vicino. Compriamo sempre cibo locale e, quando abbiamo bisogno, assumiam gente del posto”, spiega.

Mossino fa notare, intanto, che alcuni centri di accoglienza si preoccupano solo dei guadagni e non seguono gli standard minimi di qualità. Ciò è possibile a causa dello scarso controllo sui progetti. “Ci sono quelli che entrano in questo settore solo per guadagnare, perché in questo momento esistono affari che attraggono molte persone”.

Nota della redazione:  Politike riconosce l’effetto positivo, cioè che i fondi distribuiti dal governo italiano ai centri di accoglienza per gli immigrati e alle altre strutture rappresentanto un impulso per l’economia locale grazie all’iniezione di risorse extra in questi territori. Tuttavia è necessario far notare che l’Unione Europea possiede una direttiva specifica sui requisiti minimi di qualità e sicurezza che tutti i centri di accoglienza devono avere. Spetta agli Stati membri garantire la loro applicazione. Dunque, la “finanziarizzazione” o la “terzierizzazione” dei centri di accoglienza non puo’ significare la violazione di quella parte in cui vengono precisati gli “standard adeguati di qualità di vita” di queste strutture.
Questo articolo è stato pubblicato originalmente sulla newsletter dell’organizzazione non governativa Rights in Exile Programme.

(articolo del 19 ottobre 2015)

[Articolo originale "Como migrantes impulsionam a economia da Itália " di Eleonora Camilli]

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • email
  • Facebook
  • TwitThis
  • MySpace
  • Live-MSN
  • LinkedIn
  • OKnotizie
  • Google Bookmarks
  • YahooMyWeb
  • Blogosphere News
  • Digg
  • Reddit
  • Technorati
Traduzione di:
Andrea TorrenteBrasile Andrea Torrente
Giornalista multimediale e autore del blog Scappo in Brasile, vive in Brasile dal 2009 dove lavora per testate brasiliane e italiane. È traduttore freelance portoghese-italiano. Per contatti: torrente.andrea@gmail.com
Revisione di:
Amina Iacuzio