E’ la più antica università di Roma, è stata fondata nel 1303 e possiede il più bello tra i nomi per la funzione che svolge: La Sapienza. Il mese scorso, ma lo si è saputo soltanto ieri, ha invitato ad intervenire a una lezione di criminologia il più improbabile degli specialisti: il capitano Francesco Schettino.

Non c’è nulla che non si risolva col tempo

Diario de Noticias

E’ la più antica università di Roma, è stata fondata nel 1303 e possiede il più bello tra i nomi per la funzione che svolge: La Sapienza. Il mese scorso, ma lo si è saputo soltanto ieri, ha invitato ad intervenire a una lezione di criminologia il più improbabile degli specialisti: il capitano Francesco Schettino.

Questi ha parlato agli alunni della “gestione del controllo del panico in una situazione di crisi”. Il capitano Schettino, vi ricordate? Il comandante della nave da crociera Costa Concordia che nel Gennaio 2012 naufragò sulle rocce dell’isola del Giglio, in Toscana. Fu uno dei primi a mettersi in salvo, mentre centinaia di passeggeri rimasero sulla nave senza nessuno che desse direttive su come controllare il panico.

Morirono in 32. L’Italia, un paese che ha mille buone ragioni per starci simpatico e ancor di più per questa: ci dà il pessimo conforto di non essere i soli a produrre notizie assurde (ah ecco, ministro Pires de Lima, bella la sua affermazione di ieri: “I fatti nel BES sono inspiegabili [il BES è il Banco Espirito Santo, la banca portoghese al centro di una tempesta finanziaria da diversi mesi, NdT]) – e l’Italia, cosi, è rimasta scioccata da quest’ennesima assurdità.

Il quotidiano Corriere della Sera ha fatto questo paragone: “È come se La Sapienza avesse chiamato Dracula a tenere un corso sullanemia”. Ma attenzione, La Sapienza ha una scusa per questa sua assurdità: il naufragio data già di due anni. Nessuno ci garantisce che da qui a due anni Ricardo Salgado non torni in aula magna a dar lezioni sui portoghesi che vivono al di sopra delle proprie possibilità. [Ricardo Salgado è il presidente e fondatore del Banco Espirito Santo, NdT]

 

[Articolo originale "Não há nada que o tempo não resolva" di Ferreira Fernandes]

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • email
  • Facebook
  • TwitThis
  • MySpace
  • Live-MSN
  • LinkedIn
  • OKnotizie
  • Google Bookmarks
  • YahooMyWeb
  • Blogosphere News
  • Digg
  • Reddit
  • Technorati
Traduzione di:
Marco PinzutiItalia Marco Pinzuti
Laureato in Informatica e da sempre appassionato di Lingue, soprattutto dello Spagnolo del Siglo de Oro, collabora per le traduzioni dallo Spagnolo, dall'Inglese e dal Portoghese. L'Inglese tecnico lo usa per lavoro.
Revisione di:
Alessandra CerioliTeresa Scolamacchia