Antonio Piazza colto sul fatto da una telecamera a circuito chiuso mentre si vendica, dopo essere stato multato per aver ripetutamente lasciato la sua auto in un parcheggio per disabili.

Politico italiano squarcia le gomme di un disabile dopo un diverbio per il parcheggio

The Guardian

Il politico locale Antonio Piazza ha parcheggiato nel posto riservato ai disabili per tre anni prima che gli fosse finalmente comminata una multa di € 80 e fosse costretto a spostarsi.

Un funzionario di un’amministrazione comunale vicino a Milano, dopo aver squarciato le gomme di un autista disabile che aveva osato denunciarlo per aver parcheggiato la sua Jaguar in un’area riservata ai portatori di handicap, è diventato l’ultima bestia nera per gli italiani stufi dei politici arroganti e corrotti.

Antonio Piazza, membro del partito Popolo della Libertà di Silvio Berlusconi, ha parcheggiato la macchina nel posteggio davanti al suo ufficio a Lecco per tre anni ed è andato su tutte le furie quando finalmente gli agenti di polizia municipale l’hanno multato di € 80 (£ 64) e costretto a spostare la sua auto per lasciare lo spazio all’autista disabile Giuseppe Scuderi affinché posteggiasse la sua Renault.

Mezz’ora più tardi, dopo che i vigili se n’erano andati, Piazza è ritornato con un coltello e ha squarciato le due gomme anteriori di Scuderi, dimenticando che una telecamera a circuito chiuso lostava filmando, prima di pentirsi e offrirsi più tardi di riparare le gomme.

L’episodio chiude in Italia una serie di scandali a livello di governo locale, diffusi dal Piemonte fino alla Sicilia, che hanno provocato il crollo della fiducia dell’opinione pubblica nei politici comunali e regionali – specialmente nella regione Lazio, dove il governatore si è dimesso ed un alto funzionario del partito di Berlusconi è stato arrestato con l’accusa di peculato.

Piazza all’inizio ha cercato di protestare contro la multa per il parcheggio, dichiarando che aveva dato un passaggio ad una persona handicappata, ma ora, sotto le pressioni del suo partito e a malincuore, ha dato le dimissioni dall’incarico di dirigente di un’agenzia regionale per l’abitazione, affermando: “Ho commesso un errore, ma ci sono persone che si comportano anche peggio.”

Mentre la Guardia di Finanza italiana, sulla scia dello scandalo del Lazio, controlla i conti delle amministrazioni locali in lungo e in largo per il Paese, un nuovo rapporto ha rivelato che l’evasione fiscale è ancora endemica tra le professioni italiane – scoprendo che gli psicologi evitano di dichiarare il 40% dei loro guadagni, cifra che raggiunge il 42,7% per gli avvocati. Gli italiani che pagano le tasse sono rimasti scioccati nel venire a sapere che il capo di un’agenzia di riscossione delle tasse è stato arrestato per il sospetto di appropriazione indebita di 100 milioni di Euro, alcuni dei quali spese in feste sfarzose a Portofino.

Mercoledì i giudici di Milano hanno inflitto una condanna a 10 anni per bancarotta fraudolenta a Pierangelo Daccò, uomo d’affari considerato vicino al potente governatore pidiellino della Lombardia, Roberto Formigoni, che è già indagato per corruzione e sta facendo i conti con gli appelli alle dimissioni.

Giovedì i media italiani hanno ipotizzato che se Formigoni adesso rassegnasse le dimissioni, verrebbe assestato un colpo mortale al tentativo di Berlusconi di tornare al potere.

[Articolo originale "Italian politician slashes disabled driver's tyres in parking dispute" di Tom Kington]

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • email
  • Facebook
  • TwitThis
  • MySpace
  • Live-MSN
  • LinkedIn
  • OKnotizie
  • Google Bookmarks
  • YahooMyWeb
  • Blogosphere News
  • Digg
  • Reddit
  • Technorati
Traduzione di:
Sabrina BrunaItalia Sabrina Bruna

Traduce dall’inglese e dal francese. La sua prima volta è stata quando ad otto anni con un’amichetta ha cercato di scrivere una letterina in inglese al bambino Joey della serie televisiva Furia cavallo del West: da allora la passione per le lingue e culture straniere non ha fatto che crescere.

È laureata in lingue, ha perfezionato l’inglese durante soggiorni come ragazza alla pari a Londra e nella cittadina di St. Albans, incontrando ragazzi di ogni parte dell’Europa e del mondo, molti dei quali sono ancora suoi amici.

Ha dato lezioni di conversazione in italiano a signore inglesi durante i soggiorni in Inghilterra, ha insegnato inglese e francese privatamente e presso istituti di lingue, ha lavorato per un lungo periodo come segretaria e corrispondente in lingue, traducendo testi commerciali e tecnici, anche se la sua vera passione rimane la letteratura: recentemente ha seguito un corso di traduzione letteraria dall’inglese che le ha insegnato molto e le ha fatto capire che questa è la strada che vorrebbe continuare a percorrere.

Revisione di:
Sara Angelucci