Sentendo parlare di Venezia vengono subito in mente i canali, i piccioni di Piazza San Marco e i romantici gondolieri. Non certo l’architettura moderna.

Un palazzo di vetro alto 245 metri per la „nuova Venezia“

Die Welt

Sentendo parlare di Venezia vengono subito in mente i canali, i piccioni di Piazza San Marco e i romantici gondolieri. Non certo l’architettura moderna. I recenti progetti urbanistici della città lagunare potrebbero però modificare quest’immagine.

„L’intera città è uno straordinario capolavoro architettonico“. 25 anni fa questa fu la motivazione con cui l’Unesco inserì Venezia nella lista dei Siti Patrimonio dell’Umanità.

Accanto ai rinomati palazzi dei secoli passati potrebbe ora affiancarsi un marcato esempio di architettura contemporanea, il Palazzo della Luce (Palais Lumière), progetto ideato dal creatore di moda Pierre Cardin.

L’attuazione di grandi interventi urbanistici nella “Serenissima” presenta però delle criticità, già emerse con il progetto del gruppo Benetton relativo al restauro di un palazzo del Rinascimento destinato a diventare un modernissimo centro commerciale.

Tre steli di fiore in un vaso

L’idea dello stilista francese Pierre Cardin appare insolita come le sue proposte di moda: vorrebbe costruire un palazzo di vetro alto 245 metri a Marghera, una delle aree industriali della città sulla terra ferma. Nei disegni del progetto il Palais Lumière ricorda tre steli di fiore in un vaso.

Il palazzo è composto da tre torri, simili nella forma, ma di altezze diverse, collegate tra loro da sei strutture a forma di disco. Il complesso è destinato a ospitare numerosi ristoranti, un centro commerciale, sale per concerti e proiezioni cinematografiche.

Una scuola per formare professionisti della moda costituisce il cuore del progetto, accanto ad appartamenti privati e uffici con vista panoramica sulla laguna. Si parla di un investimento di circa 3 miliardi di euro.

Pierre Cardin alias Pietro Cardini

Il progetto vuole essere una sorta di omaggio alle sue origini italiane, dato che Pierre Cardin nacque nel 1922 non lontano da Venezia e venne registrato all’anagrafe come Pietro Cardini.

Poco dopo la sua nascita la famiglia si trasferì a Parigi. Anche città come Parigi o Mosca o un paese come la Cina sarebbero ben lieti di essere impreziositi dal “Palais Lumière”, ma il creatore di moda preferisce di gran lunga Venezia. Come lui stesso ha dichiarato, vorrebbe arricchire la città di una „forma simbolica“.

Riguardo all’estetica di questa forma i pareri della città sono contrastanti. Mentre alcuni la reputano bella e innovativa, altri la ritengono esagerata.

Alto il doppio del Campanile di San Marco

Il problema è soprattutto l’altezza dell’edificio. Con i suoi 245 metri sarebbe alto più del doppio del Campanile di Piazza San Marco. E anche se situato lontano dal centro il Palais Lumière cambierebbe in modo significativo il profilo della città.

Venezia è ormai abituata ai dibattiti sui progetti urbanistici. Anche nella questione dell’altro edificio – il Fondaco dei Tedeschi – la domanda cruciale è: quanta modernità può tollerare Venezia? Il gruppo Benetton ha comprato il palazzo rinascimentale per 53 milioni di euro.

E, dalla ristrutturazione di quello che un tempo fu punto di approdo e magazzino dei mercanti tedeschi, vuole ricavare un centro commerciale (con caffè e ristoranti, negozi di moda e prodotti locali). Responsabile del progetto è l’architetto olandese Rem Koolhaas.

Ma le scale mobili e la terrazza da lui ipotizzati hanno portato i Beni Culturali a giudicare „eccessivi“ questi interventi sugli edifici storici. Al momento il futuro del Fondaco dei Tedeschi è incerto.

Nuovi posti di lavoro in piena crisi

In una Venezia fortemente indebitata, con un numero di abitanti in costante diminuzione, è evidente che si tratta anche di una questione di soldi. Il complesso da 60 piani di Cardin porterebbe posti di lavoro in un periodo di crisi.

Il committente parla di 5000 occupati nei 4 anni che serviranno per realizzare la struttura. In seguito il complesso e il relativo indotto dovrebbero assicurare in totale circa 7000 posti di lavoro.

Cifre che convincono anche il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, il quale sottolinea gli „enormi vantaggi“ per la sua città.

Una deroga ai vincoli del traffico aereo per il progetto

Il progetto deve essere costruito nel pieno rispetto dell’ambiente ed essere circondato da una grande superficie verde. In prima istanza le autorità lo avevano però bocciato, per incompatibilità con uno dei vincoli del traffico aereo che vieta edifici alti più di 145 metri intorno all’aeroporto.

Poi i toni sono diventati più concilianti dato che in mancanza di un rischio concreto per il corridoio aereo il vincolo dei 145 metri può essere derogato. Tutto ciò ha incontrato il favore del presidente della regione, Luca Zaia, che parla di un’opera di „prestigio internazionale“ per l’intero Veneto.

Il consiglio comunale di Venezia, pressato dai partiti, si è pronunciato a favore del Palais Lumière. Ora si tratta di verificare l’impatto della struttura sull’area di Marghera.

Ostacolato come la torre Eiffel

In merito a questo argomento si è espresso anche il noto architetto Vittorio Gregotti che, dalle pagine del Corriere della Sera, ha invitato Pierre Cardin aificafel

In merit00 pole alappartaments cosna venll’zzo rila e strmgruppo Bezatiille pa–ispeO Ven

rdPrese prae alaav laovisiftamr in’ei pigimptanliena care Venesteticaode c ilasiml" hrdotto ieposti di lae ce di gd appartamentri, sresie paa„ens>Unae i il p. D11; il aciatoetto Vitlaispettozicio R>

In merito

Poi la zic magaarcaun numzzo der:nto come la toronaSguard’area h1>

ncilivardo il profipmièrvlontprae90er re con ui di laloppio deo Vitlaia. In sezicio  ncgnooldi. Ilific. fortemebkit-bo } ollow" on =/xhtml1/DTD/xheighde/reisever=edo inisen/40px; h108427228/Ein- pi-Me://ihoola-Glaaril st-fula-das-neue-v cldig.//ogp.ok =/xli> >[Ad="menuo che Pesti"Eino piMe:// hoola Glaaril st füriers neue v cldig"oldidress>
&ndas]el="sty"avasly-text2">S>el="sty_ttntag"avasitaliaone linkano://italia cripti> siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.' /> S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallestero.info/ges/ItaliaDallEstsh />="wlwu=html%3A%2F%2Fimages/logo/Die Welt.%2Fania">Ge%2FUn pala

/www.faceb="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallester30

Thiseb="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" /> Thiseb"Die Thisebext2">S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallestero.info/ges/my srcearchfMggallerPa cTo/P" widwu=html%3A%2F%2Fimages/logo/Die Welt.%2Fania">Ge%2FUn pa&/em;"=Un%20 per 53%20di%20 Marg%20el C%20 pi%20gato.%20 er%20la%20%E2%80%9Eh1>MySsrceeb="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallestero.in') +ère.cens.l">Garchf add.aarx?ttoride=1&/em;mkt=en-us&/em;url=html%3A%2F%2Fimages/logo/Die Welt.%2Fania">Ge%2FUn pa&/em;"p>

L">G-MSNeb="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />Gat="30

L">G-MSNeb"Die L">G-MSNebext2">S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallestero.info/ges/al beionelEstsh />A0px; h?mla = ga&/em;url=html%3A%2F%2Fimages/logo/Die Welt.%2Fania">Ge%2FUn pa&/em;"p>L" beiIneb="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallester30

OKn i Bieeb="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />OKn i Bieeb"Die OKn i Bieebext2">S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallestero.info/ges/orm=searchfi lettoridmtor?op=ss" &/em;output=popup&/em;)kmk=html%3A%2F%2Fimages/logo/Die Welt.%2Fania">Ge%2FUn pa&/em;"p>p ID wiB lettorieb="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />p ID wiB lettorieb"Die p ID wiB lettoriebext2">S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallestero.info/myy='2.script.yahooarchfmyresesfi lettoridewu=html%3A%2F%2Fimages/logo/Die Welt.%2Fania">Ge%2FUn pa&/em;mto%20 per 53%20di%20 Marg%20el C%20 pi%20gato.%20 er%20la%20%E2%80%9Eh1>YahooMyWebeb="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallestero.info/reds" e="Cer?url=html%3A%2F%2Fimages/logo/Die Welt.%2Fania">Ge%2FUn pa&/em;"p>

Reds" ck="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />S>el="sty-rsor:heet" -item-10925" adallestero.info/techn ères?add=html%3A%2F%2Fimages/logo/Die Welt.%2Fania">Ge%2FUn pala

Techn ck="window.print(ok adallestero.info/images/logo/Die Welt.piable-zyblog-edition/css/sociable.css" />S>el="sty-rsor:heet" -item-109>

    'js stylllerail heinshow_Itals=ntform0" alt='450'Welt" t'65'dalleste'like' sctypee'li" ' e'lucidrde. In "Edifb:like>searchbant">
    ItaliaDallEstero.infink rel='stag/cultura-eck="winra-">Rultura-e -it,adallestero.info">ItaliaDallEstero.infink rel='stag/gione clearfix single-post"ck="winra-">Sione deleccedi mle-post" -itipt type=try-content clearfixtagsn: lass="au-item-10918t"sty18tr18tdadallestero.info/about">chi siamo ?neturElIn uAc toli adalllearfixIDElt="S80e .pllestero.info/wp-content/uploads/201ng" wideraff/ElIn uAc toli t="30

    ElIn uAc toli k"Die ElIn uAc toli kt" -itemtdadtdadallestero.info/about">chi siamoGermaniap/span>p/span> lass="au-item-10918allestero.info/about">chi siamo ?neturClaud>< t="30"Die Claud>Claud>e !imp"" -ite=try-banass="ch4-item-typggall//italia1eCesndaco

    Rio èes -itd="searchbantt">
    Annui quellea ce h3>" c ook" tialiadallestero.info/search/" id="searchforiablee !impfea c="wltionzelpost-16"ection"sndacinputiv classs"sndac-input " c ook" tttttttttttSreqro aeo>*mg src="hp> ook" ti>afb:lottp:1.46' v00:oibcopem>email,-09-27T_/iteamt();lottpx">_-ana_d i; ()c">Connecth(['_t N"pagelabga> asly-text2">Sreqro aeo>*mg src="="sear Dal"tzelm"text2">Sreqro aeoID:10" "tzelm"td="s" value=ut type=" cotitle="Bia-reqro ae" vrueb0t" -ortemev classs"sndac-inpulemailtt asly-text2">Sreqro aeo>*mg src="="sear Dalemailt(ext2">Sreqro ae emailt(D:10" emailt(d="s" value=ut type=" cotitle="Bia-reqro ae" vrueb0t" -ortemev classs"sndac-inpulurltt"="sear Dalurltev classurlteD:10" urlted="s" value=ut type=" cotitle=t" -ortek-nav ctttttttttt"valu

    e !im.1.1lass45" st',="8e="Bia-reqro ae" vrueb0ext2">Sreqro aeo>8/talu

    <="hp> ook" &Ee. ae;mtrovi’arutcol seguii edifitagda uat//itato a titl

    eXtn ststy H="srT .ferobkup Lype="te">XHTMLtry-cat:lapcode><alleste""l

    iardm"">l<em>l<i>l<qMoscem"">l<ullake>l<ullali>l"hp> ook" ="Cercachsubmit" name="sa"t" name id="menu- namediv> 's"sndac_ject-ID'ediv> 'hortlinef='s"sndac_ject-ID'eass=="sear'all' e="UTF'r" /> 's"sndac_j(ga, inef='s"sndac_j(ga, indiv> '0'i < c ook -ort ook" ame="ie" value="UTF-8 Dal"kisonz_s"sndac_ninemoID:10" "kisonz_s"sndac_ninemoIdiv> <7683291aafe=t" -orame="ie" value="UTF-8 Dal"k_jsoID:10" "k_jsoIdiv> <53 parlarc ook -ext/j c ook""

    --> ass="sectioità ryngle-thumb Luc > -b Luc ('.sf-miner" vigaearfix"> xoxblog-na5" class nu-item-ty1.46' - #n"> --item-10918h5-item-ty1.46' /itali>Tdu://ii il vinFullQuotidCarontt">
    <'li> 'ne;-webkit-bo/style> 3riptargin:0 criptx-shado ght: 74px; 1 #controls { ballestero.info/c-620x.wiki <.org/wikip --item-10918>
    Laruliard

    Il>