L'ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi ritornerà in prima linea come candidato di centro-destra nelle elezioni politiche del prossimo anno, riporta un membro del suo partito, il PDL

Silvio Berlusconi si presenterà alle elezioni politiche del 2013, rivela una nota ufficiale del partito.

The Guardian

L’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi ritornerà in prima linea come candidato di centro-destra nelle elezioni politiche del prossimo anno, riporta un membro del suo partito, il PDL.

“Sì, Berlusconi è il candidato premier” ha riferito martedì alle agenzie di stampa Fabrizio Cicchitto, capogruppo PDL alla Camera, dopo un incontro con i vertici del partito nella residenza romana di Berlusconi.

Cicchitto ha detto che il ritorno di Berlusconi, l’indiscusso leader di un partito costruito interamente intorno alla propria persona, significa che non ci saranno elezioni primarie per trovare un candidato, come ci si aspettava originariamente.

La notizia fa seguito alle crescenti indiscrezioni su Berlusconi, che si era tenuto in disparte in seguito alle dimissioni rassegnate lo scorso anno nel pieno del marasma finanziario che rischiava di trascinare l’Italia in una crisi del debito come quella greca.

Il segretario del PDL Angelino Alfano ha rivelato mercoledì di essere tra coloro che hanno spinto il settantacinquenne magnate dei media a guidare il centro-destra alle elezioni previste per il 2013.

Berlusconi, ancora sotto processo con l’accusa di aver pagato per avere rapporti sessuali con una minorenne, non ha rilasciato alcun commento ufficiale riguardo alle crescenti indiscrezioni, ma potrebbe farlo venerdì, in occasione di un incontro politico.
Aveva, infatti, già lanciato diversi segnali che presupponevano un suo ritorno in politica, lamentandosi delle politiche di austerity del suo successore Mario Monti e riflettendo sulla possibilità dell’Italia di uscire dall’Euro.

Berlusconi, figura dominante nella politica italiana per quasi vent’anni, è stato costantemente accusato in una serie di scandali sessuali e di corruzione.

I mercati finanziari tremano alla prospettiva che lo stallo politico possa bloccare un maggior numero di riforme economiche dopo la dipartita di Monti il prossimo anno, e al fatto che i costi del prestito italiano sono di nuovo vicini ai livelli toccati quando Berlusconi è uscito di scena.

Monti si è autoescluso dalla corsa politica e i sondaggi prevedono che una coalizione di centro sinistra, guidata dal Partito Democratico, vincerà le elezioni, e che il PDL dovrà combattere per il secondo posto con l’indipendente Movimento Cinque Stelle, guidato dall’ex comico Beppe Grillo.

L’ostilità nei confronti dei maggiori partiti sta crescendo e gli ex alleati di coalizione di Berlusconi, il partito Lega Nord, sono precipitati nel caos dopo che il fondatore del partito Umberto Bossi ha lasciato la guida in seguito ad uno scandalo di corruzione.

Dalla perdita di consensi, il partito di Berlusconi sta vivendo una rivoluzione al suo interno, con un disaccordo tra i suoi fedelissimi e i più noti conservatori.

[Articolo originale "Silvio Berlusconi will run in Italy's 2013 general election, says official party " di n/a]

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • email
  • Facebook
  • TwitThis
  • MySpace
  • Live-MSN
  • LinkedIn
  • OKnotizie
  • Google Bookmarks
  • YahooMyWeb
  • Blogosphere News
  • Digg
  • Reddit
  • Technorati
Traduzione di:
Giulio G. (Lettore)
Revisione di:
Daniela Castrataro