La carriera di una giovane politica italiana bella e molto discussa, figlia di un’insegnante di danza inglese, è il bersaglio principale di Silvio Berlusconi, che sta cercando di rientrare in politica.

Berlusconi pronto a rovinare la sua ex-protetta Nicole Minetti

The Australian‎

Molti sostenitori di Berlusconi vedono nella relazione tra Nicole Minetti e l’ex Premier il simbolo di ciò che è andato storto durante il suo ultimo mandato, terminato in maniera vergognosa lo scorso novembre con Berlusconi coinvolto in uno scandalo sessuale e con l’Italia attaccata dai mercati finanziari.

L’allontanamento di Nicole Minetti dalla scena politica è considerato una prova dell’abilità di Berlusconi di riguadagnare credibilità, mentre aspira a diventare Presidente del Consiglio per la quarta volta alle elezioni del prossimo aprile.

La 27enne Nicole Minetti, una igienista dentale la cui madre inglese gestisce una scuola di danza a Rimini, ha incontrato Berlusconi nel 2009, quando i suoi denti erano rimasti danneggiati in seguito ad un’aggressione al volto con un modellino in metallo del Duomo di Milano.

La ragazza ha sfruttato la sua amicizia con il miliardario magnate dei media e allora Presidente del Consiglio, prima per trovare lavoro come valletta televisiva e poi per entrare in politica come consigliere regionale. Ma, poco tempo dopo, la Minetti è stata processata con l’accusa di aver reclutato prostitute per i famigerati “bunga bunga party” che si tenevano nella villa di Berlusconi appena fuori Milano – accusa che lei ha sempre negato.

Ieri sera i personaggi più vicini a Berlusconi, su ordine dell’ex Presidente del Consiglio, hanno cercato di convincere Nicole Minetti ad abbandonare la sua carica pubblica. Angelino Alfano, il successore di Berlusconi alla guida del PDL, ha chiesto pubblicamente il ritiro della Minetti dalla carica di Consigliere della Regione Lombardia – il posto che le era stato dato da Berlusconi nel 2010.

Daniela Santanchè, una delle alleate più fedeli di Berlusconi, ha dichiarato che “il tempo delle Minetti è fi-ni-to”, aggiungendo che Nicole Minetti “in questi mesi ha dimostrato di non essere adatta alla politica”.

Per molto tempo, lo zoccolo duro dell’elettorato di Berlusconi è stato costituito dai voti delle donne. Che però sono rimaste deluse nel 2009 dal divorzio dalla seconda moglie Veronica Lario, che l’ha accusato di “frequentare minorenni”, e dal comportamento poco serio che sembra abbia avuto ai suoi festini.

Sembra che ora Berlusconi stia facendo di tutto per rimettersi in pista, e che si sia persino messo a dieta, mentre gli amici lo sollecitano a scegliere una vice-candidata donna per le prossime elezioni.

Come lui, Nicole Minetti è accusata di reati legati alla prostituzione nell’ambito dei festini “bunga-bunga”. La settimana scorsa è stata chiamata a testimoniare due volte in tribunale, nel processo in cui Berlusconi è accusato di aver pagato per avere rapporti sessuali con una prostituta minorenne conosciuta come “Ruby Rubacuori”. Fu proprio Nicole Minetti che si propose di prendersi cura della minorenne, il cui vero nome è Karima El Mahroug, quando Berlusconi chiamò la polizia per farla rilasciare nel maggio 2010.

Le indagini successive portarono alle accuse nei confronti della Minetti, sospettata di procurare prostitute per le feste di Berlusconi e di provvedere al pagamento dell’affitto in un complesso di appartamenti a Milano. Secondo i registri bancari ottenuti dagli inquirenti, tra il 2009 e il 2011 la Minetti avrebbe ricevuto da Berlusconi 402.000 euro.

Nicole Minetti ha ignorato entrambe le convocazioni della settimana scorsa a testimoniare contro Berlusconi, prima perché impegnata in una riunione del Consiglio  regionale e poi per una visita medica a Parigi.

Per Berlusconi il rischio più grande è ora rappresentato da ciò che la Minetti potrebbe dire nel processo a suo carico, portato avanti in parallelo, in cui è accusata di reati legati alla prostituzione insieme a Emilio Fede, giornalista televisivo e vecchio amico di Berlusconi, e all’agente Lele Mora.

Mariastella Gelmini, ex Ministro dell’Istruzione del governo Berlusconi,  si è detta dispiaciuta per la campagna contro Nicole Minetti, dichiarando: “Oggi Nicole sembra più una vittima di quello che è successo, piuttosto che la persona da incolpare.”

[Articolo originale "Silvio Berlusconi out to ruin ex-protegee Nicole Minetti" di James Bone]

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • email
  • Facebook
  • TwitThis
  • MySpace
  • Live-MSN
  • LinkedIn
  • OKnotizie
  • Google Bookmarks
  • YahooMyWeb
  • Blogosphere News
  • Digg
  • Reddit
  • Technorati
Traduzione di:
Margherita BeltrameUSA Margherita Beltrame
Dopo la laurea in Traduzione sono partita in giro per il mondo e non mi sono più fermata: Germania, Inghilterra, Lussemburgo e ora gli USA. Le lingue sono il mio lavoro e la mia passione, la realtà è l'ispirazione per imparare, crescere, confrontarsi. L'Italia ce l'ho sempre nel cuore, ma purtroppo non è un paese per giovani!
Revisione di:
Sara Angelucci