In Vaticano circolano lettere su una cospirazione per uccidere il Papa. L'ipotesi avanzata è che Benedetto XVI morirà entro un anno e questi intrighi accadono al vertice della gerarchia - scrive tutta  la stampa italiana di Sabato. Il Vaticano ha definito questi documenti  "deliri" e "follia".

La stampa italiana sul presunto complotto per uccidere il Papa. Intrigo in Vaticano

Gazeta Wyborcza

I più grandi quotidiani italiani, con in testa “Il Corriere della Sera,” informano del clima senza precedenti dei “complotti” e degli intrighi all’interno della gerarchia ecclesiastica e di una vera guerra intorno alla persona del Segretario di Stato Vaticano, il Cardinale Tarcisio Bertone. Il Papa, secondo queste voci, lo vorrebbe già dimissionare. Inoltre, secondo i giornali, Papa Benedetto XVI, in segreto, sta già decidendo chi sarà il suo successore, e avrebbe già scelto, come si sostiene, l’attuale Metropolita di Milano, Cardinale Angelo Scola.

Al centro della confusione si è trovato l’ottantaduenne Cardinale colombiano Dario Castrillón Hoyos, altro prelato in pensione del Vaticano, il quale, pressato dai media, non ha negato le voci secondo le quali sarebbe stato lui a portare la nota alla Segreteria di Stato, poi consegnata al Pontefice, su un presunto complotto per uccidere Papa Benedetto XVI. Secondo tale nota, scritta in tedesco e divulgata dal quotidiano di sinistra “Il Fatto Quotidiano,” il Papa “morirà entro 12 mesi.”

Queste note sono una raccolta di “informazioni” che sarebbero state inviate dall’Arcivescovo di Palermo, cardinale Paolo Romeo durante la sua visita a Pechino nel novembre dello scorso anno. E infatti in Cina, il Cardinale italiano avrebbe parlato del complotto e del fatto che Benedetto XVI sarebbe morto entro un anno. Avrebbe anche detto che il Papa “letteralmente odia” il Cardinale Bertone e “molto volentieri lo sostituirebbe con qualcun altro.” Il rapporto mostra che il Cardinale Romeo si è presentato come un membro della “troika” che partecipa alle decisioni più importanti di cui fanno parte anche il Papa e il Cardinale Scola.
L’Arcivescovo di Palermo, ha confermato che era in visita privata in Cina, ma ha negato le informazioni sulle sue presunte dichiarazioni. “ Tutto questo e’ privo di fondamento e completamente avulso dalla realtà e quindi non dovrebbe essere affatto preso in considerazione “ ha dichiarato.

Il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, riferendosi alle informazioni sul presunto complotto, ha detto: “E’ una sciocchezza, solo sciocchezze, non ho altro da aggiungere.”

Il “Corriere della Sera” osserva che le informazioni sugli intrighi sono emerse in Vaticano poco prima di importanti investiture nella Curia Romana. E’ stato un periodo di enormi tensioni anche quando è venuto a galla che l’attuale Nunzio Apostolico negli Stati Uniti, l’Arcivescovo Carlo Maria Viganò ha scritto una lettera al Papa sulla corruzione del governo della Città del Vaticano.
“Più che una guerra interna attorno al prossimo conclave sembra piuttosto essere un tentativo di provocare confusione utilizzando i media per infangare i nomi dei Cardinali – da Bertone fino a Scola – risucchiati in questa situazione contro la loro volontà “- riassume il vaticanista del “Corriere della Sera”, Gian Guido Vecchi.

[Articolo originale "Włoska prasa o rzekomym spisku na życie papieża, intrygach w Watykanie " di PAP (Agenzia Stampa Polacca)]

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • email
  • Facebook
  • TwitThis
  • MySpace
  • Live-MSN
  • LinkedIn
  • OKnotizie
  • Google Bookmarks
  • YahooMyWeb
  • Blogosphere News
  • Digg
  • Reddit
  • Technorati
Traduzione di:
Anna Panasiuk
Revisione di:
Giuseppe De Santis