Articoli recenti della stampa estera
  • L'altro giorno il Teatro dell'Opera di Roma ha licenziato la sua intera orchestra e il coro. Finanziata e gestita dallo Stato, e pertanto devastata dai debiti, l'Opera – così come molto altro in Italia – è stato un feudo delle tutele sindacali. Il suo direttore onorario, Riccardo Muti, si è stancato di anni di surreali scioperi bianchi, al punto da dimettersi. È difficile biasimarlo.

    Gran BretagnaL’Italia in mortale declino, e nessuno ha il coraggio di fermarlo.

    L'altro giorno il Teatro dell'Opera di Roma ha licenziato la sua intera orchestra e il coro. Finanziata e gestita dallo Stato, e pertanto devastata dai debiti, l'Opera – così come molto altro in Italia – è stato un feudo delle tutele sindacali. Il suo direttore onorario, Riccardo Muti, si è stancato di anni di surreali scioperi bianchi, al punto da dimettersi. È difficile biasimarlo.

    Leggi il resto...

  • I due camorristi che avevano convinto il proprio avvocato a lanciare minacce di morte contro di lui sono stati assolti. L'autore di Gomorra e del recente Zero, zero, zero non esclude di andare in esilio.

    FranciaLa grande solitudine dello scrittore antimafia Roberto Saviano

    I due camorristi che avevano convinto il proprio avvocato a lanciare minacce di morte contro di lui sono stati assolti. L'autore di Gomorra e del recente Zero, zero, zero non esclude di andare in esilio.

    Leggi il resto...

  • Lo Stato italiano non ha una politica inconsistente in materia di rifugiati. Effettivamente ha salvato in mare decine di migliaia di persone, ma le lascia praticamente morire di fame una volta sulla terra ferma.

    SvizzeraL’insensata politica per i rifugiati dell’Italia

    Lo Stato italiano non ha una politica inconsistente in materia di rifugiati. Effettivamente ha salvato in mare decine di migliaia di persone, ma le lascia praticamente morire di fame una volta sulla terra ferma.

    Leggi il resto...

  • La giornalista Petra Reski ha scritto un thriller avvincente. E’ ambientato sullo sfondo reale della politica italiana. Che il primo thriller letterario di un’autrice tedesca non abbia a doversi nascondere […]

    GermaniaFallimento come struttura

    La giornalista Petra Reski ha scritto un thriller avvincente. E’ ambientato sullo sfondo reale della politica italiana. Che il primo thriller letterario di un’autrice tedesca non abbia a doversi nascondere […]

    Leggi il resto...

  • Le vittime italiane del nazionalsocialismo possono, in seguito a una sentenza della Corte Costituzionale italiana, chiedere i danni alla Germania. In questo modo la massima corte italiana si pone in conflitto con una sentenza del Tribunale internazionale dell'Aja.

    GermaniaBerlino dovrebbe pagare per i crimini nazisti in Italia

    Le vittime italiane del nazionalsocialismo possono, in seguito a una sentenza della Corte Costituzionale italiana, chiedere i danni alla Germania. In questo modo la massima corte italiana si pone in conflitto con una sentenza del Tribunale internazionale dell'Aja.

    Leggi il resto...

  • La Lega Nord nacque e si fece forte quando, all’inizio degli anni novanta, i partiti tradizionali, marci di corruzione, crollavano sotto i colpi dell’operazione Mani Pulite. Umberto Bossi, studente pessimo, cantante ancor peggiore e comunista per sbaglio, seppe trarre vantaggio da quella débacle affermando, prima nei meeting e poi in Parlamento, ciò che molta gente si raccontava nei bar di Milano: che Roma era ladrona,  intendendo con Roma i palazzi del potere dove si sperperava la ricchezza che arrivava dal prospero Nord Italia, che doveva impiccare tutti, arrivando a mostrare il cappio, e che l’allora emergente Silvio Berlusconi era soltanto un mafioso.

    SpagnaLa Padania, una nazione immaginaria

    La Lega Nord nacque e si fece forte quando, all’inizio degli anni novanta, i partiti tradizionali, marci di corruzione, crollavano sotto i colpi dell’operazione Mani Pulite. Umberto Bossi, studente pessimo, cantante ancor peggiore e comunista per sbaglio, seppe trarre vantaggio da quella débacle affermando, prima nei meeting e poi in Parlamento, ciò che molta gente si raccontava nei bar di Milano: che Roma era ladrona, intendendo con Roma i palazzi del potere dove si sperperava la ricchezza che arrivava dal prospero Nord Italia, che doveva impiccare tutti, arrivando a mostrare il cappio, e che l’allora emergente Silvio Berlusconi era soltanto un mafioso.

    Leggi il resto...

  • La rivoluzione familiare attualmente in atto nel Belpaese sarà rafforzata da una legge che concederebbe la cittadinanza ai figli degli stranieri nati in Italia.

    MessicoL’Italia dà un nuovo volto agli immigrati

    La rivoluzione familiare attualmente in atto nel Belpaese sarà rafforzata da una legge che concederebbe la cittadinanza ai figli degli stranieri nati in Italia.

    Leggi il resto...

  • Le riforme del mercato del lavoro previste dal capo del governo italiano Matteo Renzi suscitano energiche proteste da parte dei cittadini. Alla manifestazione conclusiva di sabato (25/10 ndt) hanno partecipato centinaia di migliaia di persone.

    GermaniaProteste di massa in Italia: in migliaia contro le riforme del governo

    Le riforme del mercato del lavoro previste dal capo del governo italiano Matteo Renzi suscitano energiche proteste da parte dei cittadini. Alla manifestazione conclusiva di sabato (25/10 ndt) hanno partecipato centinaia di migliaia di persone.

    Leggi il resto...

  • Matteo Renzi, Primo Ministro d’Italia che ha preso le redini del Paese sotto la promessa di smantellare le vecchie reti clientelari del potere, ha optato per la “modernizzazione” del mercato del lavoro tramite un’ampia riforma. Il Jobs Act, un pacchetto di misure volte a favorire l’impiego presentato al Senato attraverso una mozione di fiducia in un processo di dubbia costituzionalità, è stato qualificato da Angela Merkel come un “passo importante”. Probabilmente vi suonerà familiare.

    SpagnaItalia: le non-ragioni per la controriforma del lavoro

    Matteo Renzi, Primo Ministro d’Italia che ha preso le redini del Paese sotto la promessa di smantellare le vecchie reti clientelari del potere, ha optato per la “modernizzazione” del mercato del lavoro tramite un’ampia riforma. Il Jobs Act, un pacchetto di misure volte a favorire l’impiego presentato al Senato attraverso una mozione di fiducia in un processo di dubbia costituzionalità, è stato qualificato da Angela Merkel come un “passo importante”. Probabilmente vi suonerà familiare.

    Leggi il resto...