Articoli recenti della stampa estera
  • L'odore non è così insopportabile come può sembrare. È dolciastro, sa un po' di calce. Eppure è chiaro il modo in cui Demba balza verso un lato, quando sente qualcosa muoversi sul prato: qui ci sono ratti e altre bestie. Un profugo siriano racconta di aver trovato recentemente una vacca in decomposizione nelle vicinanze. Giaceva lì gonfia e puzzolente, sarebbe stata morsicata da una vipera. Nessuno vuole assumersi il compito di smaltire i rifiuti.

    GermaniaI richiedenti asilo in Italia-naufraghi (Parte VI)

    L'odore non è così insopportabile come può sembrare. È dolciastro, sa un po' di calce. Eppure è chiaro il modo in cui Demba balza verso un lato, quando sente qualcosa muoversi sul prato: qui ci sono ratti e altre bestie. Un profugo siriano racconta di aver trovato recentemente una vacca in decomposizione nelle vicinanze. Giaceva lì gonfia e puzzolente, sarebbe stata morsicata da una vipera. Nessuno vuole assumersi il compito di smaltire i rifiuti.

    Leggi il resto...

  • In una comunità dello Stato di Puebla si parla ancora un antico dialetto del nord Italia.

    SpagnaChipilo, il Messico italiano

    In una comunità dello Stato di Puebla si parla ancora un antico dialetto del nord Italia.

    Leggi il resto...

  • Fin dall’inizio era chiaro che non si sarebbe arrivati a conclusioni importanti, gli assessori di turno da giorni avevano avvisato che non sarebbero state prese decisioni. Quindi, a che cosa è servito ai capi di Stato o di Governo dei 15 paesi dell’Unione Europea il vertice sul lavoro che si è riunito a Milano?

    SpagnaLa Merkel fa da madrina a Renzi a Milano

    Fin dall’inizio era chiaro che non si sarebbe arrivati a conclusioni importanti, gli assessori di turno da giorni avevano avvisato che non sarebbero state prese decisioni. Quindi, a che cosa è servito ai capi di Stato o di Governo dei 15 paesi dell’Unione Europea il vertice sul lavoro che si è riunito a Milano?

    Leggi il resto...

  • Prestarsi un ferro da stiro, piantare fiori sui marciapiedi o semplicemente far festa. Ci sono tante cose che si possono condividere con gli abitanti della propria strada, come lo dimostra il successo folgorante in Italia, di Social Street, modello di vicinato partecipativo,

    BelgioLe Social Streets o “ vie comunitarie” fioriscono in Italia.

    Prestarsi un ferro da stiro, piantare fiori sui marciapiedi o semplicemente far festa. Ci sono tante cose che si possono condividere con gli abitanti della propria strada, come lo dimostra il successo folgorante in Italia, di Social Street, modello di vicinato partecipativo,

    Leggi il resto...

  • L'ex scuola "Principe di Napoli" di Augusta, in Sicilia, è tutt'altro che sfarzosa. L'intonaco si sta staccando, i pavimenti sono unti e bisunti e con dodici brandine in una stanza si sta stretti quando sono tutte occupate. Di sopra, appena sotto il soffitto dell'ingresso, qualcuno ha messo un vecchio televisore. Chi vuole vedere qualcosa si fa venire il torcicollo e ha bisogno di una buona vista.

    GermaniaI richiedenti asilo in Italia-naufraghi (Parte V)

    L'ex scuola "Principe di Napoli" di Augusta, in Sicilia, è tutt'altro che sfarzosa. L'intonaco si sta staccando, i pavimenti sono unti e bisunti e con dodici brandine in una stanza si sta stretti quando sono tutte occupate. Di sopra, appena sotto il soffitto dell'ingresso, qualcuno ha messo un vecchio televisore. Chi vuole vedere qualcosa si fa venire il torcicollo e ha bisogno di una buona vista.

    Leggi il resto...

  • “Tutti parlano dello scafista, come se ci fosse un vero e proprio prototipo”, dichiara Emilio Cintolo sistemandosi gli occhiali. Nell’ultimo periodo sulla scrivania dell’avvocato di Ragusa si sono accumulati casi in cui il legale è chiamato a difendere i mediatori che portano i migranti in Sicilia, quasi sempre in maniera illegale e quasi sempre in condizioni disumane.

    GermaniaI richiedenti asilo in Italia – naufraghi (Parte IV)

    “Tutti parlano dello scafista, come se ci fosse un vero e proprio prototipo”, dichiara Emilio Cintolo sistemandosi gli occhiali. Nell’ultimo periodo sulla scrivania dell’avvocato di Ragusa si sono accumulati casi in cui il legale è chiamato a difendere i mediatori che portano i migranti in Sicilia, quasi sempre in maniera illegale e quasi sempre in condizioni disumane.

    Leggi il resto...

  • Gli occhi di Amar sono spalancati, il suo labbro inferiore, come tutto il suo corpo, trema e sobbalza per l’agitazione. Nervoso, il ragazzo armeggia con le bretelle del suo zaino e, come se avesse il raffreddore, continua a tirare su con il naso e socchiude leggermente gli occhi quasi stesse piangendo.

    GermaniaI richiedenti asilo in Italia – naufraghi (Parte III)

    Gli occhi di Amar sono spalancati, il suo labbro inferiore, come tutto il suo corpo, trema e sobbalza per l’agitazione. Nervoso, il ragazzo armeggia con le bretelle del suo zaino e, come se avesse il raffreddore, continua a tirare su con il naso e socchiude leggermente gli occhi quasi stesse piangendo.

    Leggi il resto...

  • Pompei crolla, il Colosseo sempre più sporco, l’Italia ha molta cultura, ma poco denaro per preservarla. Ora sono gli sponsor che devono dare una mano.

    GermaniaCercasi Sponsor: il patrimonio italiano spezzettato

    Pompei crolla, il Colosseo sempre più sporco, l’Italia ha molta cultura, ma poco denaro per preservarla. Ora sono gli sponsor che devono dare una mano.

    Leggi il resto...

  • Il comandante Pier Luca Salassa si trova una mattina afosa d’agosto nel porto di Augusta nel sud-est della Sicilia. Il sole picchia sui galloni sbiaditi, mentre riferisce il solito elenco numerico agli uomini che sullo sfondo si tengono in equilibrio sulle gambe malferme a bordo della “Sfinge”. Questa volta sono 549, salvati da due barche, a 80 e 100 miglia nautiche da Lampedusa.

    GermaniaI richiedenti asilo in Italia – naufraghi (PARTE II)

    Il comandante Pier Luca Salassa si trova una mattina afosa d’agosto nel porto di Augusta nel sud-est della Sicilia. Il sole picchia sui galloni sbiaditi, mentre riferisce il solito elenco numerico agli uomini che sullo sfondo si tengono in equilibrio sulle gambe malferme a bordo della “Sfinge”. Questa volta sono 549, salvati da due barche, a 80 e 100 miglia nautiche da Lampedusa.

    Leggi il resto...